La paura del desiderio

Editorial reviews

La paura del desiderio

C’è un vecchio detto, trito e ritrito, che dice che nella botte piccola c’è il buon vino. Ecco, di fronte a questo romanzo di poco meno di centocinquanta pagine, più una novella lunga che un romanzo vero e proprio, viene voglia di citarlo, perché tutto è comunque ben dosato, in un thriller non thriller che parla di solitudine, di vite al margine, di rassegnazione e anche di seconde possibilità.

Non può essere anticipato, va letto. È perfetto.